Riqualificazione di Piazza della Vittoria, di Piazza Alberto Stringa ed aree circostanti a Caprino V.se

 

Il progetto

L'idea che abbiamo quindi cercato di attuare negli elaborati parte da un presupposto fondamentale per la città di Caprino: identità urbana.
 Crediamo che ogni cittadino si riconosca appieno nella funzioni svolte dal centro storico comprese le due piazze, ritenedole l'essenza del vivere caprinese ma allo stesso tempo ne riconosca i forti limiti presenti nella limitata fruibilità pedonale e nella forte frammentazione che questi spazi hanno.


Il progetto si sviluppa secondo alcune linee d'azione che noi riteniamo essenziali:

1.    Pedonalizzare per quanto possibile le piazze ora completamente occupate da parcheggi. Il progetto deve quindi definire una strategia di fruibilità chiara e sicura che renda facile relazionare attività commerciali e i flussi pedonali. I percorsi collegano non solo l'area delle piazze ma si uniscono a quelli già presenti nel centro storico diretti verso l'area di Villa Carlotti ed  al polo scolastico presente lungo viale IV Novembre.

2.    Individuare ambiti specifici all'interno dell'intera piazza dove si possano svolgere tematicamente attività diverse. Il riprogetto definisce ambiti differenziati che all'occorenza diventano un unicum organizzato e strutturato. Si individuano tre aree di utilizzo: la prima, Piazza Stringa, è un luogo dove si attesta un tessuto urbano molto compatto con molteplici attività commerciali per cui è necessario definire con chiarezza un’univoca funzione che decomprima lo spazio tramite una piazza pedonale pavimentata libera da spazi di sosta per le auto e all'occorrenza attrezzabile per il mercato settimanale; la seconda, Piazza della Vittoria, sulla quale s'affaccia un tessuto urbano importante ma più rarefatto con funzioni pubbliche e di pubblico esercizio in cui diviene utile avere punti di sosta e percorsi pedonali. Abbiamo pensato ad un grande spazio pavimentato ed alberato destinato al parcheggio ed a luogo per manifestazioni teatrali, circensi, fieristiche e mercatali; la terza, comprende il momumento ai caduti ed il parco verde la quale rimane un elemento di mediazione con il tessuto urbano ora eminentemente residenziale con ville, parchi attestate ai piedi della montagna, quindi uno spazio riprogettato con aree ludiche ed altre contemplative.

3.    Revisione della viabilità automobilistica e spazi di sosta, confermando per quanto possibile quella esistente, in funzione della priorità che noi vogliamo ora dare ai percorsi pedonali. All'interno di  Piazza Stringa sarà mantenuta e riqualificata l'attuale percorso stradale, in Piazza della Vittoria la strada sarà spostata lungo il lato di viale IV novembre, mentre attorno al parco la strada verrà parzialmente mantenuta con un doppio senso circolatorio; in prossimità dell'abitato storico posto dietro Villa carlotti è previsto traffico limitato ai residenti con senso unico diretto verso sud.  

4.    Collegare l'intera area, in primis il centro storico e viale IV novembre, proponendo una nuova pavimentazione direttamente connessa a quella della piazza. Il progetto, nei limiti degli importi concessi per realizzarlo, si collega al centro storico ed alla villa del Municipio, luoghi dove in parte la pavimentazione lapidea è già stata realizzata. Sul lato opposto della piazza connesso a viale IV Novembre assumiamo un atteggiamento diverso, proponendo lo smantellamento dell'attuale marciapiede asfaltato il taglio delle vetuste e problematiche alberature per realizzare un nuovo percorso pedonale alberato costruito in cemento architettonico con inerti in pietra gialla e rossa tratta delle vicine cave di marmo rosso Verona e Nembro. 

Piazza Stringa
Come già detto la piazza è necesariamente molto rigorosa e libera da arredi di tipo pesante e stabile, abbiamo scelto di costruire una piastra lapidea leggermente rialzata verso la strada provinciale a sud, la cui superficie sia completamente ricoperta da fasce in marmo Nembro giallo-rosa più o meno lucido tale da evidenziare o celare la cromia (la superficie rimarrà antisdrucciolo), alternato con strisce in trachite grigio scuro.
Piazza della Vittoria
La piazza è costruita completamente pianeggiante pertanto verso il lato ovest sarà visibile un salto di quota definito con un muro in cemento armato a vista lungo il quale si attesta anche il passaggio pedonale che conduce su via Cantore. La  piazza prevede un pavimento in trachite grigio scuro alternata con piccole fasce erbose le quali sono anche limite visivo per i posti auto La piastra se svuotata dei parcheggi può divenire base d'appoggio per il montaggio di strutture temporanee coperte idonee per attività socio culturali, teatrali, ecc..
Parco urbano
Il momumento ai caduti e l'attuale parco vengono ridisegnati, si eliminano le attuali barriere di recinzione e si integrano ai vari elementi al progetto complessivo in concorso. Ci sembra che riqualificare questa zona sia oggi molto importante ed interessante. Principalmente vogliamo coivolgere il monumento, ora elemento eterogeneo, nel disegno dell'area e liberare il giardino dal limite-prigione ora rappresentato dall'attuale recinzione. Il giardino e di monumento diventano parte di un unico progetto che organizza tutti gli spazi pedonali "perimetrali" in granito.
Spazi perimetrali
La definizione "spazi perimetrali" individua tutte quelle zone esterne ai tre ambiti, "Stringa", "Vittoria" e "parco verde", zone dove si è definita una pavimentazione omogenea in granito grigio chiaro, tessuto connettivo con l'intorno urbano.

Immagini

 
 
  • dati di progetto
  • Anno di costruzione:
    2009
  • Importo lavori:
    € 1.000.000
  • Committente:
    Comune di Caprino Veronese